Rappresentare Cristo

Nel mondo cristiano, europeo, specialmente, la croce è onnipresente nelle chiese, sulle tombe, sui monumenti pubblici, in araldica e sulle bandiere nazionali. I cristiani vengono battezzati con il segno della croce, sono benedetti sai sacerdoti nello stesso modo E loro stessi si fanno il segno della croce, quando implorano l’aiuto divino quando ascoltano il Vangelo. I crociati medievali indossarono la croce sulle loro sopravvesti. La croce cristiana h  a innumerevoli varianti, ognuna con riferimento a una area geografica, una tradizione, una storia diversa.

All’inizio non fu così.

I segni di riconoscimento dei cristiani delle prime generazioni furono altri, specialmente legati al nome di Gesù. “Perché nel nome di Gesù ogni ginocchio si pieghi nei cieli, sulla terra e sotto terra; e ogni lingua proclami che Gesù Cristo è il Signore, a gloria di Dio Padre.” (Fil 2,10-11).

La preghiera, quella liturgica ad esempio, è sempre rivolta al Padre “per Cristo”, cioè nel suo nome. “In verità, in verità io vi dico: se chiederete qualche cosa al Padre nel mio nome, egli ve la darà. Finora non avete chiesto nulla nel mio nome. Chiedete e otterrete, perché la vostra gioia sia piena.” (Gv 16,23-24).

Il nome di Gesù diventa così esso stesso una preghiera. Nella metà dell’ ‘800 il testo ascetico “Racconti di un pellegrino russo” raccoglierà un’eredità antichissima, risalente ai padri dei primi secoli, proponendo il metodo della preghiera del cuore. Un’intima ripetizione del nome di Gesù, ritmica, quasi mantrica. La preghiera ridotta al suo nocciolo fondamentale, l’invocazione del nome di Cristo, ripetuta e ripetuta, divenne, nei primi secoli, anche segno.

È il caso dei ritrovamenti sui muri dei templi, tra le tessere dei mosaici, sulle lapidi e le incisioni tombali: ovunque, il cristiano antico scriveva il nome di Gesù. Da queste parole si passò presto al segno: è il caso del Chi Rho … il segno che sovrappone la Ki e la Rho, prime due lettere del nome di Cristo. Così come i due segni, spesso posti ai lati del volto di Gesù nelle icone, IC e XC, rispettivamente la prima e l’ultima lettera del nomi “Gesù” e “Cristo” in greco. Così l’Alfa e l’Omega greche, in obbedienza al libro dell’Apocalisse (vd Ap 1,8) indicano ancora il riferimento alla persona di Gesù.

Dal nome al segno grafico… è il caso dell’ ICTYS… abbreviazione della frase “Gesù Cristo, figlio di Dio, Salvatore”, che, giocando sul suo significato corrente viene rappresentato con un pesce stilizzato.

Passando alla lingua Latina ricordiamo il Trigramma JHS, sigla di “Jesus Hominum Salvator” (Gesù salvatore degli uomini), erede di una abitudine greca di abbreviazioni per iniziali di brevi frasi (usanza molto diffusa nei saccelli funerari). Anche il titulus crucis, INRI, la condanna che Pilato fece appendere sulla croce di Gesù, è usato nelle rappresentazioni dei primi secoli.

Anche alcune immagini divennero segno di riferimento per richiamare la figura di Gesù e per orientare la preghiera. Ricordiamo le rappresentazioni del buon pastore, dove Gesù è rappresentato come un giovane con in spalla un agnello. Il riferimento è duplice: la parabola della pecora smarrita in Luca (cap. 15) e alla similitudine che Gesù stesso fa di sé al capitolo 10 del Vangelo di Giovanni. Questa rappresentazione è molto diffusa sia nelle piccole dimensioni (medaglie, piccole incisioni, iscrizioni su oggetti preparati per le sepolture) sia nelle dimensioni enormi: campeggia per esempio nell’abside di Sant’Apollinare i      n Classe o nelle lunette del sepolcro bizantino di Galla Placidia, sempre a Ravenna. Anche l’agnello stesso è l’immagine della figura di Gesù, dall’appellativo di Giovanni Battista, al capitolo primo del Vangelo di Giovanni.

Altre rappresentazioni prese dal mondo animale sono: il pellicano (poiché si credeva desse da mangiare le proprie viscere ai suoi piccoli), il pavone (dalla convinzione che la sua carne non si decomponesse, così passò ad essere simbolo di vita eterna), la fenice (l’uccello mitologico che rinasce dalle sue stesse ceneri), la colomba (spessissimo associata al dono dello Spirito Santo, proprio per le parole dell’evangelista Matteo a proposito del battesimo di Gesù al Giordano).

Sono state ritrovate numerose altre simbologie: la nave, che richiama il significato di Salvezza, oppure la palma, simbolo della gloria del martirio. Prima di rappresentare apertamente la croce, i cristiani usarono per lungo tempo l’ancora, simbolo della speranza, a cui il cristiano si aggrappa, sicuro di non essere in balia dei marosi. La sua forma è così simile a quella del patibolo di Gesù che si pensa fosse usata durante le persecuzioni (così come il simbolo greco del pesce) per segnare le case dove si celebrava l’eucarestia.

Un ulteriore segno, poco usato nel nord e nell’occidente cristiano, ma molto frequente nel mondo bizantino, è l’Etimasìa. Un trono vuoto di color porpora, riservata alla divinità, col drappo azzurro rappresentante l’umanità. Trono vuoto che attende il ritorno del re, seggio del giudizio e della presenza dell’Assente. Nelle chiese viene raffigurato in fondo, nel catino absidale, seggio da cui dipendono tutti i seggi di potere umano, temporale o spirituale. Intorno al trono i segni della passione: lancia, chiodi, corona di spine, dadi… e, finalmente la croce.

5 thoughts on “Rappresentare Cristo

  1. 388060 674888His or her shape of unrealistic tats were initially threatening. Lindsay utilized gun 1st basic, whereas this girl snuck outside by printer ink dog pen. I used completely confident the all truly on the shade, with the tattoo can be taken from the body shape. make an own temporary tattoo 966513

  2. 329353 586530Maximize your by how a large amount of gear are employed internationally and will often impart numerous memory utilizing that your is also fighting that can be a result from our team rrnside the twenty 1st centuries. everyday deal livingsocial discount baltimore washington 798703

  3. 240514 11636I dont normally look at these types of internet sites (Im a pretty modest person) – but even though I was a bit shocked as I was reading, I was undoubtedly a bit excited as properly. Thanks for making my day 749591

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.