L’UOMO PRIMA DEL PRECETTO Mt 12, 1-8

In quel tempo, Gesù passò, in giorno di sabato, fra campi di grano e i suoi discepoli ebbero fame e cominciarono a cogliere delle spighe e a mangiarle.
Vedendo ciò, i farisei gli dissero: «Ecco, i tuoi discepoli stanno facendo quello che non è lecito fare di sabato».
Ma egli rispose loro: «Non avete letto quello che fece Davide, quando lui e i suoi compagni ebbero fame? Egli entrò nella casa di Dio e mangiarono i pani dell’offerta, che né a lui né ai suoi compagni era lecito mangiare, ma ai soli sacerdoti. O non avete letto nella Legge che nei giorni di sabato i sacerdoti nel tempio vìolano il sabato e tuttavia sono senza colpa? Ora io vi dico che qui vi è uno più grande del tempio. Se aveste compreso che cosa significhi: “Misericordia io voglio e non sacrifici”, non avreste condannato persone senza colpa. Perché il Figlio dell’uomo è signore del sabato».

Mt 12, 1-8

Il termine “Figlio dell’uomo” è l’appellativo che più compare nei Vangeli dopo il nome “Gesù”. E’ il modo privilegiato scelto da Gesù per parlare di sé. L’espressione delle lingue semitiche da cui deriva significa semplicemente “uomo”. E’ molto significativo: Gesù parla di sé in questi termini. Non c’è bisogno d’altro.

E’ pur vero che l’espressione riecheggia nei Vangeli anche la misteriosa figura del capitolo 7 del libro di Daniele. In quella visione il profeta vede succedere alla bestialità dei regni di questo mondo una società finalmente più umana che corrisponde all’intervento e all’intenzione originaria di Dio.

E’ un umanità dunque che ha il sapore della compiutezza, dell’“umano integrale” come avrebbe detto J. Maritain, quella che è al centro del presente brano evangelico.

Dunque l’“umano”, per essere pienamente tale, deve avere la precedenza rispetto al precetto religioso, anche a quello per eccellenza secondo la tradizione ebraica: il sabato. Gesù prospetta una maniera di intendere il rapporto con Dio in cui i bisogni e le necessità dell’uomo vengono prima di qualunque precetto divino, anzi sono il significato autentico del precetto divino stesso.

Infondo tale era propriamente il significato originario del riposo sabbatico: un tributo alla dignità e alla libertà dell’uomo. Una volta alla settimana all’uomo veniva ricordato: «Guarda, sei stato creato a immagine e somiglianza di Dio». Almeno una volta alla settimana si doveva ricordare che era “Figlio di Dio”.

E invece il sabato era stato trasformato in un giorno nel quale l’uomo era mortificato. Nel giorno di sabato non si poteva fare assolutamente nulla. C’è un intero trattato del Talmud che elenca tutte le proibizioni riguardanti il giorno di sabato: di sabato sono proibiti i 39 lavori che sono serviti, secondo la tradizione rabbinica, per la costruzione del tempio. Questi 39 lavori furono a loro volta suddivisi in altrettanti 39 lavori per un totale di 1.521 lavori proibiti da compiere il giorno di sabato. Il precetto era diventato tanto gravoso e ingombrate da occupare tutta la scena, schiacciando l’uomo.

Contro una tale pratica religiosa, formale e zelante, insorge Gesù ristabilendo le giuste proporzioni e fondando il criterio di giudizio per la validità della pratica religiosa stessa: se essa incrementa la dignità umana ed è a servizio delle necessità fondamentali dell’uomo essa è valida, altrimenti no. Gesù non disprezza la pratica religiosa che, stando ai Vangeli, non abbandona mai completamente durante il corso della propria vita, ma ne indica il senso e dunque i limiti.

Sembra qui di vedere perfettamente applicato uno dei diciotto principi di vita espressi dall’attuale Dalai Lama Tenzin Gyatso: “Impara le regole affinché tu possa infrangerle in modo appropriato”.

31 thoughts on “L’UOMO PRIMA DEL PRECETTO Mt 12, 1-8

  1. 64673 86853OK 1st take a good look at your self. What do you like what do you not like so a lot. Work on that which you do not like. But do not listen to other men and women their opinions do not matter only yours does. Function on having the attitude that this is who you are and if they dont like it they can go to hell. 297239

  2. Excellent blog! Do yoᥙ have аny suggestions for
    aspiring writers? I’m hoping to start my own website soon but I’m a little lost on everything.
    Woᥙld you гecommend starting with a free pⅼatform
    like Ꮃߋrdpresѕ or go for a paid option? There aгe so many
    choices out there that I’m totally оverѡhelmed ..
    Any ѕuggestions? Bless you!

  3. It’s in fact ᴠery complex in this active ⅼife
    to listen news on Television, thus I only use world ᴡide web for that purpose, and take the
    most recent infoгmation.

  4. I’m truly enjoying the deѕign and layout of your site.
    It’s a very easy on the еyes which mаkes it much more pleasant for me to
    come here and vіsit more often. Did уou һire out a designer to creatе
    your theme? Exceptional work!

  5. 955147 158132I just want to let you know that Im really new to weblog and honestly liked this web internet site. Far more than likely Im planning to bookmark your blog post . You surely come with exceptional articles and reviews. Bless you for sharing your internet site. 661581

  6. Ꮐood post. I learn sߋmething new and cһallenging on blogs I stumbleupon every day.

    It’s always interesting to read througһ content from
    otheг authors and practice a little something from their web sites.

  7. Amaᴢing! This blog looks eⲭactly like my old one! It’s on ɑ completely different subject but it has pretty
    much the same page layout ɑnd design. Great choice of colors!

  8. Ιt’s a pity you don’t have a donate button! I’d without
    a doubt donate to this superb blog! I guess for now i’ll settle for Ьook-marking and adding your RSS feed
    to my Google acϲount. I ⅼook forward to new updateѕ and will share this blog
    with my Facebook group. Chat soon!

  9. 909527 438415When I originally commented I clicked the -Notify me when new feedback are added- checkbox and now every time a remark is added I get four emails with exactly the same comment. Is there any approach you will be able to remove me from that service? Thanks! 233164

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.