Lo scandalo di chi si dice religioso ma non pratica la Misericordia Mt 9,9-13

“Come è possibile che un rabbì, un maestro, un predicatore che dice di parlare a nome di Dio, pensi anche solo di avvicinarsi – figuriamoci di condividere la tavola – con dei pubblici peccatori, della gentaglia senza morale e senza possibilità di riscatto?” I farisei benpensanti che conoscono le Scritture, seguono ogni regola religiosa e recitano diligentemente ogni giorno le preghiere, si credono così a posto con la propria coscienza e con Dio da pensare di poter giudicare gli altri, ritenendosi migliori. “Andate a imparare cosa significa: Misericordia voglio e non sacrificio” risponde Gesù citando un passo del profeta Osea che i farisei conoscono molto bene – conoscono, ma non comprendono né mettono in pratica.

Osea – e con lui Gesù – non stanno dicendo che i riti religiosi non servono a nulla, ma stanno denunciando l’atteggiamento di chi prega con la bocca senza adeguare il cuore a quello che dice, svuotando totalmente il culto di significato.

Questa critica dovrebbe risuonare con violenza alle orecchie di quelle persone che si dicono cristiane, vanno a messa e rintontiscono Dio con le loro preghiere, non fanno peccati eclatanti e per questo si sentono a posto, dimenticando che vivere l’Evangelo è altro, dimenticando di cercare la giustizia nei rapporti sociali, dimenticando di vivere la misericordia verso l’assetato che bussa alla loro porta e non chiede altro che un po’ di umanità, verso chi ha sbagliato e ora implora perdono e possibilità di riscatto, verso l’ultimo, il diverso, l’escluso.

Scandaloso non è chi mangia con i peccatori come fa Gesù – non per approvarne la condotta, ma per offrire comprensione e perdono – ma chi si atteggia a “persona di preghiera” e poi semina odio e sputa sentenze. Scandaloso è chi crede il cristianesimo un valore da salvare di fronte all’invasione straniera, dimenticando che il cristianesimo autentico non costruisce muri e non chiude i porti al bisognoso. Scandaloso è chi bacia il crocifisso ed esulta di fronte a centinaia di innocenti che muoiono in mare, colpevoli solo di essere di un altro colore o religione e nati nel lato sfortunato del mondo.

Perché alla fine dei conti, ciò che avrà davvero valore di fronte a Dio sarà la misericordia che abbiamo avuto verso l’altro, qualunque altro.

7 thoughts on “Lo scandalo di chi si dice religioso ma non pratica la Misericordia Mt 9,9-13

  1. You could certainly see your enthusiasm in the article you write.
    The arena hopes for even more passionate writers like you who
    are not afraid to say how they believe. All the time follow your heart.

  2. With havin so much content do you ever run into any problems of plagorism or copyright violation?
    My site has a lot of exclusive content I’ve either authored
    myself or outsourced but it appears a lot of it is
    popping it up all over the web without my authorization. Do you know any techniques to help
    stop content from being ripped off? I’d truly appreciate it.

  3. Hello! I know this is sort of off-topic but I needed to ask.
    Does managing a well-established blog such as yours take a
    large amount of work? I’m completely new to operating a blog but I do write in my journal every day.

    I’d like to start a blog so I can share my own experience and views
    online. Please let me know if you have any suggestions or
    tips for brand new aspiring bloggers. Appreciate it!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.